Ottobre 11, 2019

Istituzione dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta per l’acquisto di nuovi veicoli a bassa emissione di CO2 e ibridi o elettrici


L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 82/E del 23 settembre 2019, ha istituito i codici tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, dei crediti d’imposta per l’acquisto di veicoli nuovi di fabbrica di categoria M1 a basse emissioni di CO2 e di categoria L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e ed L7e elettrici o ibridi. I nuovi codici tributo sono: ‘6903’ denominato ‘Eco-bonus veicoli Cat. M1 – Recupero del contributo statale sotto forma di credito d’imposta – articolo 1, comma 1031, L. n. 145/2018’ e ‘6904’ denominato ‘Eco-bonus veicoli Cat. L1e/L7e – Recupero del contributo statale sotto forma di credito d’imposta – articolo 1, comma 1057, L. n. 145/2018’.

Ottobre 11, 2019

Istituzione dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta per gli investimenti nei comuni colpiti dagli eventi sismici e del credito d’imposta per gli investimenti nelle zone economiche speciali


L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 83/E del 27 settembre 2019, ha istituito i codici tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta per gli investimenti nei Comuni colpiti dagli eventi sismici a far data dal 24 agosto 2016 e del credito d’imposta per gli investimenti nelle zone economiche speciali (ZES). I nuovi codici tributo sono: ‘6905’ denominato ‘Credito d’imposta investimenti sisma centro Italia – art. 18-quater, comma 1, decreto-legge 9 febbraio 2017 n. 8’; ‘6906’ denominato ‘Credito d’imposta investimenti ZES – articolo 5, comma 2, decreto-legge 20 giugno 2017 n. 91’.

Ottobre 11, 2019

Modalità di versamento della sanzione amministrativa pecuniaria per il contrasto della contraffazione – Istituzione codice tributo


Il decreto legge 14 marzo 2005 n. 35 ha previsto una sanzione amministrativa pecuniaria per chi viola le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti ed in materia di proprietà industriale. Per consentire il versamento della sanzione amministrativa pecuniaria per il contrasto della contraffazione irrogata dalla polizia comunale l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo ‘3022’. In sede di compilazione del mod. F24 il suddetto codice tributo va esposto nella ‘Sezione Imu e altri tributi locali’. Qualora la sanzione amministrativa sia irrogata da organi diversi della polizia comunale il versamento è effettuato utilizzando il codice tributo ‘3021’. E’ quanto si legge nella risoluzione n. 84/E dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 4 ottobre. Il documento di prassi amministrativa precisa che ai fini del versamento della sanzione non è possibile avvalersi dell’istituto della compensazione.

Ottobre 11, 2019

Spese sostenute dai genitori adottivi per l’espletamento della procedura di adozione


Con la risoluzione n. 85/E del 9 ottobre 2019 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che le spese relative agli incontri post adottivi per la verifica del corretto inserimento del minore non sono normalmente deducibili in quanto rappresentano un normale onere rientrante nel generico dovere di mantenere, istruire ed educare i figli. Tuttavia, qualora l’accordo stipulato con il Paese di origine del minore preveda per i genitori adottivi l’obbligo di dar seguito a verifiche post adozione, le spese per l’espletamento di dette verifiche sono deducibili in quanto adempimenti necessari per l’espletamento della procedura di adozione.

Le rassegne e il calendario fiscale sono un prodotto Metaping - Servizi per Commercialisti, Avvocati e Ordini Professionali